La costituzione di una comunità scientifica di docenti e discenti è un traguardo che, chi insegna, ha il dovere di
perseguire e merita rispetto. Il mantenimento e lo sviluppo di questa comunità scientifica sono ben altra cosa,
perché richiedono il continuo apporto di nuovi stimoli che possono derivare unicamente dalla ricerca scientifica.
Sull’esempio dell’Università Cattolica Nostra Signora del Buon Consiglio è necessario che anche in Albania, e questo
sta già accadendo in alcune sedi universitarie, debba progressivamente prevalere la figura del docente che non si limita
solo a formare gli studenti ma, insegnante e ricercatore, deve promuovere lo sviluppo scientifico, organizzare la ricerca
nei laboratori e nelle biblioteche cosciente della funzione imprescindibile della ricerca sperimentale, soprattutto quella
traslazionale, come indispensabile complemento dell’attività clinica.
E’ inoltre doveroso confrontare l’attività di ricerca con quella internazionale di riferimento, auspicando però una
valutazione preliminare del contesto in cui tale comunità scientifica si forma e cresce, in modo da fornire modelli di
paragone progressivamente crescenti e in linea con le potenzialità di quella comunità, tali da essere gratificanti e
quindi incentivanti ed essere da stimolo e non da freno alla crescita. Questo è vero in qualsiasi ambito accademico e
di ricerca dove, avendo presente il traguardo finale, la valutazione iniziale dell’attività deve essere accompagnata da
un adeguamento degli obiettivi che di volta in volta devono essere raggiunti, coscienti che il superamento di ogni step
genera un meccanismo di incoraggiamento che alimenta processi di sana emulazione e competizione con un progressivo
allargamento della comunità che, nel tempo, sente il bisogno di svilupparsi ulteriormente e di uscire dal suo ambito
nazionale per confrontarsi con realtà internazionali sempre più competitive.
In questo processo l’utilità di una rivista è facilmente comprensibile. Le riviste sono, accanto alle biblioteche e ai laboratori
di ricerca universitari, il punto di forza del progresso di una comunità scientifica in campo medico e odontoiatrico.
Siamo coscienti che l’obiettivo finale di una rivista scientifica debba essere la pubblicazione e la diffusione dei risultati
più significativi della ricerca nel mondo e che la sua corrispondenza ai parametri riconosciuti in campo internazionale
ne garantiscono la validità e le danno la possibilità di aspirare all’inserimento nei database scientifici più importanti.
Tutto ciò premesso, il supporto che una rivista scientifica può dare al progresso di una nuova comunità scientifica è
importantissimo ed è scandito dalla crescita qualitativa della rivista stessa.
Mantenere strettamente legate le sorti della rivista a quelle della comunità scientifica albanese è un obiettivo che DLAJ
vuole perseguire e sarà la sua mission.
In questo scenario appare evidente come una saggia selezione dei parametri, che devono essere raggiunti ad
ogni successiva pubblicazione, sia un processo particolarmente delicato, che bisogna programmare in anticipo e
successivamente monitorare per garantirne la sintonia con l’attività della comunità scientifica di riferimento.
Per questo motivo, in una prima fase, si è deciso di garantire la maggiore diffusione possibile della rivista presso tutti
gli operatori del settore odontoiatrico, accademici e libero professionali, creando più sezioni all’interno della rivista:
contributi di articoli scientifici e case report ma anche semplici suggerimenti per la pratica clinica. L’utilizzo della lingua
albanese per tutti gli articoli, associata all’alternanza di italiano e inglese come seconda lingua, vuole avere una triplice
finalità: essere veicolo di diffusione nella comunità albanese, testimonianza dell’impegno italiano e più in particolare
dell’Università di Roma “Tor Vergata” e messaggio del futuro internazionale che questa rivista vorrà avere. Per garantire
una maggiore diffusione e per facilitare la consultazione è stato deciso di affiancare alla pubblicazione cartacea, un
formato elettronico disponibile sul web.
Volutamente sono stati ancora non considerati alcuni importanti elementi per una rivista scientifica che saranno inseriti
nel corso degli anni e che contribuiranno alla valutazione da parte delle agenzie di rating.
Questo modello iniziale è sicuramente in grado di consentire la partecipazione diretta di un numero sempre crescente
di membri della comunità odontoiatrica albanese, con l’obiettivo di fare proseliti all’interno della comunità scientifica,
monitorarne il livello e stimolarne una sua progressiva crescita. In quest’ottica già nel prossimo numero sarà inserita
una nuova sezione dedicata alla rassegna della letteratura internazionale a cura di collaboratori della rivista, specialisti
ognuno di una singola disciplina odontoiatrica.
Accanto all’Università ed alla Rivista è auspicabile lo sviluppo di una rete di istituzioni, enti, associazioni che dovranno
favorire il binomio tra innovazione tecnologica e industria ed essere, direttamente o indirettamente, collegati alla ricerca.
I tempi sono maturi per stimolare politici e opinione pubblica albanese verso la funzione strategica della ricerca
scientifica, in ogni campo, come motore dei processi d’innovazione e di sviluppo. Sarebbe auspicabile prevedere
investimenti per la creazione di nuovi laboratori e l’ammodernamento di quelli esistenti; pensare a nuovi istituti di ricerca,
a finanziamenti per ruoli universitari e borse di studio per studenti.
La comunità scientifica una volta strutturata potrà garantire quel delicato equilibrio tra l’Università e le singole istituzioni
nazionali, rilanciando il primato e la funzione strategica della prima nella guida delle istituzioni scientifiche.
Una moderna comunità scientifica come volano dello sviluppo economico e sociale di tutto il Paese.
Nascita di Una
Comunità Scientifica
L’Editor in Chief
Vincenzo Campanella

Krijimi i nje komuniteti shkencor “profesoresh dhe studentesh” eshte nje rrugetim qe, ai qe jep mesim, ka per detyre
ta ndjeke dhe meriton respekt per kete. Mirembajtja dhe zhvillimi i ketij komuniteti shkencor jane dicka krejt
tjeter, sepse kerkojne kontributin e vazhdueshem te stimujve te tjere qe mund te vijne vetem si rezultat i kerkimit
shkencor. Ne shembullin e Universitetit Katolik Zonja e Keshillit te Mire eshte e nevojshme qe edhe ne Shqiperi,
dhe kjo po ndodh tani ne disa universitete, duhet progresivisht te mbizoteroje figura e profesorit qe nuk limitohet vetem
ne formimin e studenteve por, si mesues dhe kerkues, duhet te promovoje zhvillimin shkencor, te organizoje kerkimet
ne laboratore dhe ne biblioteka i ndergjegjshem per funksionin thelbesor te kerkimit eksperimental, sidomos te atij
traslacional, ashtu si plotesues thelbesor i aktivitetit klinik.
Per me teper eshte e detyrueshme te perballet aktiviteti i kerkimit me ate te referencave nderkombetare, por duke vene
ne pah nje vleresim paraprak te kontekstit ne te cilin ky komunitet shkencor formohet dhe rritet, ne menyre qe te siguroje
modele krahasuese ne progresion rrites dhe ne linje me potencialin e atij komuniteti, te tille qe te jene te dobishem pra
nxites dhe te sherbejne si stimul dhe jo si frenues i rritjes. Kjo eshte e vertete ne cfaredo ambjenti akademik dhe kerkimor
ku, duke patur parasysh qellimin final, vleresimet fillestare te aktivitetit duhet te shoqerohen me qartesim te objektivave
qe here pas here duhet te arrihen, te ndergjegjshem qe kalimi i cdo hapi sjell si rezultat nje mekanizem inkurajimi qe
ushqen procese rivaliteti dhe konkurence te ndershme shoqeruar me nje zgjerim progresiv te komunitetit qe, me kohen,
ndjen nevojen te zhvillohet pertej dhe te dale nga kufiri kombetar per tu perballur me realitete nderkombetare gjithmone
e me konkuruese.
Ne kete proces dobia e nje reviste eshte lehtesisht e kuptueshme. Revistat jane, perkrah bibliotekave dhe laboratoreve te
kerkimeve universitare, pika e forte ne progresin e nje komuniteti shkencor ne fushen e mjeksise dhe stomatologjise.
Jemi te ndergjegjshem qe objektivi final i nje reviste shkencore duhet te jete publikimi dhe perhapja e rezultateve
me domethenese te kerkimit ne bote dhe qe korespondenca e saj per parametrat e njohur ne fushen nderkombetare
garantojne vlefshmerine dhe i japin mundesine te aspiroje per tu futur ne database shkencore me te rendesishem. E
gjithe kjo ne perputhje me rrethanat, mbeshtetja qe nje reviste shkencore mund te jape ne progresin e nje komuniteti te ri
shkencor eshte shume e rendesishme dhe nderpritet nga rritja kualitative e vete revistes.
Te mbahen te lidhura ngusht fatet e revistes me ate te komunitetit shkencor shqiptar eshte nje objektiv qe DLAJ do te
ndjeke dhe do jete misioni i saj.
Ne kete skenar eshte e dukshme si nje perzgjedhje e zgjuar e parametrave, qe duhet te arrihen ne cdo publikim tjeter,
eshte nje proces vecanerisht delikat, qe duhet te programohet ne avance dhe te monitorohet vazhdimisht per te garantuar
sintonine me aktivitetin e komunitetit shkencor te referimit. Per kete arsye, ne nje faze te pare, eshte vendosur te
garantohet perhapja me e madhe e mundshme e revistes nder te gjithe punonjesit e sektorit te stomatologjise, akademike
dhe profesioniste te lire, duke krijuar me teper seksione ne brendesi te revistes: kontribut i artikujve shkencore dhe case
reporte si edhe sugjerime te thjeshta per praktiken klinike. Perdorimi i gjuhes shqipe per te gjithe artikujt, shoqeruar
me alternimin e italishtes me anglisht si gjuhe e dyte, do te kete nje qellim te trefishte: te jete mjet shperhapjeje ne
komunitetin shqipetar, deshmi e perkushtimit italian dhe me vecanerisht e Universitetit te Romes “Tor Vergata” eshte
mesazh i te ardhmes nderkombetare qe kjo reviste do te kete. Per te garantuar nje perhapje me te gjere dhe per te
lehtesuar konsulten eshte vendosur qe revistes se shtypur ti bashkangjitet nje format elektronik i disponueshem ne web.
Qellimisht nuk jane konsideruar akoma disa elemente te rendesishem per nje reviste shkencore qe do te inserohen ne vitet
e ardhshme dhe qe do te kontribuojne ne vleresimin nga ana e agjensive te vleresimit. Ky model fillestar eshte sigurisht
ne gjendje te lejoje pjesemarrjen direkte te nje numri gjithmone ne rritje te anetareve te komunitetit stomatologjik
shqiptar, me objektivin per te bere prozelite ne brendesi te komunitetit shkencor, duke monitoruar nivelin dhe duke
stimuluar nje rritje progresive te saj. Ne kete optike qe ne numrin e ardhshem do te inserohet nje seksion i ri i dedikuar ne
dorezimin e literatures internacionale nen kujdesin e bashkepunetoreve te revistes, secili specialist i nje disipline te ndare
stomatologjike.
Prane Universitetit dhe revistes eshte i deshirueshem zhvillimi i nje rrjeti te institucioneve, agjensive, shoqatave qe
duhet te favorizojne binomin ndermjet inovacionit teknologjik dhe industrise dhe te jete, direkt ose indirekt, te lidhur me
kerkimin.
Kohet jane maturuar per te stimuluar politiken dhe opinionin publik shqipetar ne lidhje me funksionin strategjik te
kerkimit shkencor, ne cdo fushe, si motorr i proceseve te inovacionit dhe zhvillimit. Do te ishte e deshirueshme te
parashikohen investime per krijimin e laboratoreve te reja dhe modernizimin te atyre ekzistente; te mendohet per institute
te reja kerkimi, per financime universitare dhe bursa studimi per studente.
Komuniteti shkencor pasi eshte strukturuar mund te garantoje ate ekuiliber delikat ndermjet universitetit dhe
institucioneve te vogla kombetare, duke ja lene kreun dhe funksionin strategjik te pareve ne guiden e institucioneve
shkencore.
Një komunitet modern shkencor si një forcë shtytëse e zhvillimit ekonomik dhe social të vendit.
Lindja e Një
Komuniteti Shkencor
Kryeditori
Vincenzo Campanella